La Fondazione Carispaq celebra trenta anni di attività: oltre seimila i progetti finanziati per 44 milioni di euro di erogazioni

per l’occasione Palazzo dei Combattenti ha fatto da cornice a due mostre “Teofilo Patini inedito dalle collezioni di Fondazione Carispaq e BPER Banca” e “Codicipietrosanti”

Si è tenuto presso la sede di Palazzo dei Combattenti all’Aquila, l’evento di celebrazione dei trenta anni di attività della Fondazione Carispaq.

In questi tre decenni la Fondazione Carispaq ha sostenuto oltre seimila progetti di terzi per complessivi 44 milioni di euro di erogazioni; mentre 22 milioni di euro sono stati destinati per i progetti propri.  

Presenti all’iniziativa: il Prefetto dell’Aquila, Cinzia Torraco; l’europarlamentare Elisabetta de Blasis; il Senatore Etel Sigismondi; il Vicesindaco del Comune dell’Aquila Raffaele Daniele, i Sindaci di Avezzano e Sulmona Giovanni Di Pangrazio e  Gianfranco Di Piero; il Consigliere Regionale Americo Di Benedetto e l’On. Stefania Pezzopane.

Insieme ai numerosi vertici delle autorità militari hanno presenziato anche il Rettore dell’Università degli Studi dell’Aquila Edoardo Alesse e il Procuratore Generale, facente funzioni, della Corte d’ Appello dell’Aquila Alberto Sgambati. Per la Fondazione Carispaq, oltre al Presidente Domenico Taglieri, erano presenti il Presidente dell’Assemblea dei Soci Fabrizio Marinelli, gli ex Presidenti Roberto Marotta e Marco Fanfani, il Segretario Generale David Iagnemma e numerosi tra soci e consiglieri.

Per l’occasione Palazzo dei Combattenti ha fatto da cornice all’esposizione di alcune opere inedite del Maestro Teofilo Patini provenienti dalle Collezioni d’Arte della Fondazione Carispaq e BPER Banca. Un’iniziativa che rafforza ulteriormente il rapporto tra le due istituzioni anche in previsione di altre occasioni di collaborazione; a tal proposito la Fondazione Carispaq ringrazia vivamente per la disponibilità Marco Litta Responsabile Direzione Territoriale Centro Est BPER Banca, presente ieri alla celebrazione del trentennale della Fondazione, e Sabrina Bianchi Responsabile del patrimonio culturale di BPER Banca.

Dunque una ricorrenza anche nel segno della bellezza celebrata con due mostre. La prima, come detto, dedicata a Teofilo Patini, il grande pittore ottocentesco di Castel Di Sangro, che, grazie anche alla collaborazione del Prof. Michele Maccherini, Consigliere Generale della Fondazione Carispaq e docente di Storia dell’Arte Moderna presso l’ateneo aquilano, ha  interpretato in modo diverso i vari aspetti della produzione del maestro di Castel Di Sangro, dal quadro di “genere”, al paesaggio, ai temi sacri, fornendo un ritratto inedito dell’opera del Maestro che si allontana dallo stereotipo del pittore dei miseri a cui l’opinione tradizionale ha finito per relegarlo. Questa mostra è stata allestita con il contributo dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila e la collaborazione del Prof. Franco Fiorillo.

La seconda esposizione, in un ideale dialogo tra arte moderna e contemporanea, ha presentato alcune delle più suggestive opere dell’ultima ricerca dell’artista aquilano Roberto Pietrosanti. Con iltitolo Codicipietrosanti sono state presentati lavoridedicati ai grandi protagonisti dell’arte di tutti tempi rivisitati però secondo il codice dell’artista.

“Credo che sia sotto gli occhi di tutti l’importante lavoro svolto dalla Fondazione Carispaq per la crescita del territorio della provincia dell’Aquila – ha dichiarato il Presidente Domenico Taglieri – e di cui possiamo essere soddisfatti. Ma la soddisfazione per il ruolo importante che le Fondazioni di origine bancaria hanno svolto per il Paese è stato ribadito anche dal Presidente Sergio Mattarella che le ha definite ancore su cui l’Italia può contare per il suo futuro.  Perché hanno svolto, in questi anni, funzioni preziose di integrazione, di coesione e talvolta anche di supplenza, di missioni pubbliche, in adempimento del principio di sussidiarietà sancito dall’articolo 118 della nostra Costituzione. I risultati ottenuti dalla nostra Fondazione in questi anni sono il frutto di un intenso lavoro e per questo il mio ringraziamento va ai componenti dell’organo amministrativo e di controllo, ai membri del Consiglio Generale, ai Soci, alla direzione e alla struttura amministrativa della Fondazione”.



Galleria di foto