• Comunicazione
  • Eventi
  • La Grande Guerra nella cartografia satirica europea

La Grande Guerra nella cartografia satirica europea

La Grande Guerra nella cartografia satirica europea

Il giorno 09 Gennaio 2016 Salva sul calendario

Luogo: L'Aquila L'Aquila, Palazzo Fibbioni - Via San Bernardino

Organizzato da Angela Ciano

Categorie: Eventi generali

Hits: 876

Valutazioni:

 “La Grande Guerra nella cartografia satirica europea

La Fondazione Cassa di Risparmio dell’Aquila, in occasione della ricorrenza dei 100 anni dall’ingresso dell’Italia nella prima Guerra mondiale (1914-1918),  ha inteso sostenere un evento espositivo di antiche carte geografiche “satiriche” d’Europa, realizzate tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento.

La mostra denominata la Grande Guerra nella cartografia satirica d’Europaha lo scopo di ricostruire, in chiave ironica,  gli scenari storici, politici, sociali e letterari dell’Europa negli anni del conflitto.

L’evento ha ottenuto il logo ufficiale per le celebrazioni della Struttura di Missione per  gli Anniversari di interesse nazionale – Presidenza del Consiglio dei Ministri e il patrocinio del Comune dell’Aquila.

 Si tratta di una raccolta preziosa di tavole geografiche del collezionista Gianni Brandozzi dell’Associazione culturale “Giovane Europa” di Ascoli Piceno, che consente di approfondire, attraverso le immagini, la storia comune dei popoli europei e le tensioni politiche esistenti tra i vari Paesi del Vecchio Continente, che hanno condotto alla deflagrazione del conflitto.

LA GRANDE GUERRA NELLA CARTOGRAFIA SATIRICA

In occasione delle commemorazioni per il centenario dalla Prima Guerra Mondiale si presenta una mostra di antica cartografia satirica d’Europa nel periodo tra la fine dell’Ottocento e la Grande Guerra. Una raccolta preziosa di carte geografiche che in chiave umoristica raccontano le tensioni tra i vari Paesi europei all’alba del conflitto.

Un’occasione per approfondire un periodo storico importante attraverso dei documenti che cristallizzano gli stereotipi nazionali attraverso dei simboli ancora oggi attuali e raccontano gli sviluppi sociali dell’epoca non solo nella politica, ma nei nuovi stili artistici e di comunicazione.

La raccolta cartografica propone nomi di importanti cartografi e giornalisti dell’epoca, dall’inglese Fred Rose all’italiano Galantara, artisti che riescono a racchiudere in dei simboli il complesso contesto sociale all’alba della Grande Guerra.

Saranno esposti documenti originali con saggi didascalici, la realizzazione di una cartellina con quattro carte satiriche catalogo Mostra per una maggiore diffusione dei documenti.

 L’offerta culturale è arricchita dall’applicazione “Satiricapp” che accompagnerà il visitatore lungo il percorso espositivo con un audio guida  e schede di approfondimento delle opere.

MAPPE SATIRICHE EUROPEE

Nel XVII secolo nascono in Olanda le carte figurate, ossia le mappe iconografiche in cui la carta è integrata da immagini decorative di popoli e luoghi riferiti ai propri territori. Lo scopo era quello di dare la possibilità allo spettatore di visualizzare l’essenza fondamentale di ogni paese. Il XVII secolo è inoltre caratterizzato in Europa da un movimento di rinascita della civiltà classica, della Grecia e Roma antica. Appaiono così in forma visiva elementi iconografici classici sui frontespizi dei Grandi Atlanti come nel Theatrum Orbis Terrarum dell’Ortelius. Proprio in questa veste prende forma nella cartografica l’antropomorfizzazione, come nella mappa dell'Europa a forma di regina, originariamente progettata da Johannes Putsch (Bucius) nel 1537 e poi pubblicata da Sebastian Munster nella sua Cosmographia. Tra i primi esempi di questo genere è l’opera di Opicino de Canestris dei primi anni del XIV secolo.

Nel corso dei secoli sono diversi gli esempi di questa rappresentazione allegorica nella cartografia ma è solo nel XIX secolo che nasce un nuovo genere satirico europeo – la vignetta politica – che riflette l’epocale cambiamento politico e culturale che ha avuto luogo in Europa tra il 1845 e il 1945.

Le nuove disponibilità economiche, l'umorismo e la facile diffusione del nuovo modello di mappa rendono sempre più popolare e accessibile questo stile rappresentativo. L'era della pace in Europa tra 1871 e il 1914 cristallizza la forma e il design di questo nuovo genere e trova espressioni innovative nella ormai famosa opera di artisti come Fred Rose.

Nella caricatura dei vari stati europei queste immagini simboliche riflettono gli stereotipi nazionali, come il soldato prussiano e il Grande Orso russo. Allo stesso modo appaiono i simboli  nazionali mitici e storici: l’eroina rivoluzionaria francese, Marianne e il britannico solido e affidabile, John Bull.

 Sempre più politicizzata, la mappa 'serio-comica' è utilizzata dalla propaganda politica all’alba della Prima Guerra Mondiale; nuovo mezzo di comunicazione, come ad esempio l'immagine commovente di un film, la cartografia satirica divenne nuovo strumento di manipolazione di massa e propaganda popolare visiva. Rimane il ricordo della mappa tradizionale umoristica nella propaganda satirica della Russia bolscevica dopo il 1918 e in alcuni manifesti di propaganda della Seconda Guerra mondiale.

I simboli più duraturi e ricorrenti che appaiono sulla mappa satirico europea non sono radicati nell’arte antica e nei vecchi miti nazionali, ma sono due icone di risonanza nella politica: il polpo mostruoso che tutto impiglia e il ragno gigante che tesse la sua tela attraverso la cartografia d’Europa.

PRIMA GUERRA MONDIALE NELLA STAMPA UMORISTICA

Il 1914 si presenta come un anno cruciale nella storia italiana: il 23 agosto ha inizio quella che passerà alla storia come la Grande Guerra, una deflagrazione totale determinata da una tragica catena di avvenimenti.

L’Italia, nonostante faccia parte della Triplice Alleanza, si mantiene neutrale, perché nel Parlamento vi è una maggioranza contraria all’ingresso in guerra. Gli interventisti sono però una minoranza agguerrita e rumorosa. Nonostante la maggior parte della popolazione sia contraria alla guerra, il governo scambia la voce della piazza per l’espressione autentica della volontà del Paese e finisce per cedere alle pressioni interventiste.

Il nuovo impegno di Mussolini a favore della guerra, con la conseguente espulsione dal Partito socialista, ha effetti rilevanti su tutto lo schieramento politico, tanto più che egli assume la direzione del Popolo d’Italia, un quotidiano di destra finanziato da gruppi interventisti e antisocialisti.

Sono momenti di grande confusione ideologica, difficili e laceranti per i socialisti italiani divisi fra l’adesione alla guerra patriottica e l’opposizione alla guerra capitalista. Questa atmosfera finisce per coinvolgere drammaticamente lo stesso Gabriele Galantara che, nonostante la fedeltà agli ideali socialisti e la sua intransigenza morale, decide di far propria la scelta interventista. Proprio dalle pagine della rivista si coglie questo graduale passaggio da una posizione politica all’altra: agli inizi del 1914 il giornale continua la sua battaglia contro i nazionalisti e il fanatismo interventista. Dall’agosto 1914 L’Asino diventa invece un organo di propaganda contro la ferocia degli imperatori Guglielmo e Francesco Giuseppe, che mirano al dominio di tutta la terra, ricoprendo i campi di cadaveri, uccidendo i civili, bombardando le città e i monumenti. Galantara impiega la sua arte, con risultati di straordinaria efficacia drammatica, per rappresentare i tedeschi e gli austriaci come l’incarnazione del Male. L’Asino invoca apertamente l’ingresso dell’Italia in un conflitto inteso come “rivoluzione proletaria” volta a spezzare la tirannide dei sovrani e della Chiesa sui popoli europei.

           

Non tutto andava bene in Europa nel 1870, l'anno della guerra franco-prussiana, che si potrebbe chiamare la prima delle tre guerre civili europee.

Questa mappa satirica francese ha cercato di sdrammatizzare le diverse tensioni, mostrando una carta antropomorfa d'Europa, dove ogni paese è stato rappresentato da una caricatura del suo 'personaggio' nazionale. La Prussia guarda come il suo 'Cancelliere di ferro' Otto von Bismarck si pone ai suoi vicini: in ginocchio sull’Austria che è un soldato addormentato e con la mano destra appoggiata che occupa l’'Olanda; la Francia, vestita da feroce soldato Zuavo, sta puntando una baionetta nel cuore dell’ ingombrante mostro militare prussiano. L'Inghilterra è una vecchia donna, alle prese con l'Irlanda, il suo cagnolino ribelle al guinzaglio (simile a un piccolo orso). La Spagna è una signorina che fuma mentre giace sulla schiena quasi schiacciando il piccolo soldato portoghese sotto di lei; L’Italia, realizzata come Garibaldi, sta cercando di allontanare la pressione dalla Prussia. La Danimarca è un piccolo spavaldo soldato che spera di recuperare Holstein, il territorio perso alla Prussia in una guerra di qualche anno prima.

Norvegia e Svezia stanno insieme trasformato un cane feroce.  La Svizzera è un cottage chiuso. La Turchia in Europa è "un orientale schiacciato dalla pressione sovrastante degli altri paesi" mentre la Turchia in Asia è una ragazza che fumare il narghilè. La Russia è un viandante in un cappotto rattoppato, la Crimea è scritta sulla toppa cucita in basso.

Affascinate mappa politico-umoristica dei Paesi d’Europa, conosciuta come la mappa Octopus dalla presenza minacciosa dell’Impero russo raffigurato come un polpo massiccio, i cui tentacoli si estendono verso l’Europa. In questa mappa l’Octopus trattiene la Turchia e la Persia ma è stato ferito dalla Crimea ed è respinto dalla Germania. La maggior parte delle nazioni sono osservatori prudenti.

2016-01-09 00:00:00
0000-00-00 00:00:00

Questo sito utilizza i cookie tecnici per il proprio corretto funzionamento e cookie di terze parti per l'implementazione di alcune funzionalità esterne (ad es. Google Analytics). Navigando le pagine del sito o cliccando su 'OK' acconsenti all'impiego dei cookie.

Informativa completa